“Il nostro canto Libero”

0
568
locandina Il nostro canto libero

Il nostro canto libero: il nuovo spettacolo teatrale e musicale promosso dal Consorzio Icaro

Si è svolto il 10 dicembre al Teatro Ricciardi di Capua, lo spettacolo teatrale e musicale “Il nostro Canto Libero” promosso dal Consorzio Icaro. Protagonisti gli ospiti delle strutture riabilitative gestite dalle cooperative sociali aderenti al Progetto Meglio Insieme (Aria nuova, Mercurio d’oro, Santiago, Il sole nascente e Diamante). Ospiti dell’evento la SIR di Caserta ed il Centro Diurno Gulliver di Secondigliano (ASL Napoli 1 centro).

Leitmotiv dello spettacolo era la libertà. Libertà di sperimentare modalità di comunicazioni differenti. Libertà di essere sé stessi, di mettersi in gioco e sentirsi parte di un gruppo ormai riconoscibile e consolidato. Un gruppo che il Consorzio Icaro ha cercato di costruire ed incrementare proprio con la nascita del Progetto Meglio Insieme, un progetto che mira ad aumentare i livelli di inclusione sociale, variando e migliorando l’offerta riabilitativa di ciascuna struttura. Vale la pensa ricordare che nel progetto rientrano diverse tipologie di attività: non solo teatrali e musicali, ma anche sportive, culturali e ludico-ricreative.

Con lo spettacolo Il nostro canto libero si è cercato di coinvolgere un maggior numero possibile di ospiti: sia in scena, sia fuori dalla scena, soprattutto nella fase “creativa”. Gli sketch, scritti dagli operatori e dagli utenti durante laboratori di scrittura creativa organizzati, hanno riguardato soprattutto Napoli. Una Napoli dalle mille anime, la cui irriverenza e creatività è diventata quindi il simbolo di quella libertà desiderata e portata in scena. Tali esibizioni, infine, sono frutto di un progetto di musicoterapia che da alcuni anni svolge un ruolo importantissimo nell’ambito delle iniziative promosse dal Progetto Meglio Insieme. Degna di nota, infatti, è la collaborazione con Patrizio Trampetti e i Letti Sfatti, ospiti dell’evento e già co-organizzatori del “Meglio Insieme Art Festival“. Attraverso la musica ed il teatro si cercherà di accrescere il benessere emotivo degli utenti, offrendogli canali comunicativi alternativi, incrementando abilità personali, rafforzando l’autostima e la capacità di stare in gruppo e di lavorare per un fine comune.